10 regole chiave + 2 per cercare lavoro (grazie al digitale)

L’argomento è di quelli che catturano sempre maggior interesse e vale la pena, di tanto in tanto, soffermarsi sulle regole chiave per cercare lavoro, sfruttando al meglio il mondo digitale.
Regole ricorrenti a parte, però, oggi cerchiamo di offrirti spunti diversi dal solito.
Leggi fino in fondo, con attenzione. Se sei in cerca di nuove opportunità (o del cambiamento) questo articolo fa per te.


Tra la pandemia che ha messo a dura prova tante professioni e il cambiamento generale che rende alcuni settori in costante crisi, non è mai un errore rimettersi in discussione e non fossilizzarsi nel proprio ruolo.

In effetti, a ben pensarci, le “sicurezze” di una volta sono spesso un miraggio, non solo per i più giovani ma anche per tutti quei lavoratori che hanno legato la loro quotidanità ad aziende che non possono (o non vogliono) incarnare più l’idea del classico “posto fisso” di una volta.

L’avvento del digitale, che a tanti fa paura, offre nuovissime prospettive che non vanno sottovalutate anche se, dati alla mano, in Italia dobbiamo ancora fare parecchia strada nella comprensione approfondita delle sue dinamiche (tema che affronteremo presto in un articolo dedicato). La buona notizia è che tra DAD e Smart Working abbiamo finalmente iniziato a dotarci di più computer in famiglia, iniziando anche a comprendere il valore di una rete veloce (che per anni abbiamo erroneamente associato al semplice “download veloce” di film e serie tv).

Per questo motivo abbiamo deciso di dedicare una guida veloce composta da 10 regole + 1, utili a cercare lavoro, sfruttando al meglio (nel modo più semplice e diretto) il Digitale, puntando anche a chiarirci le idee su alcune tendenze da conoscere.

Probabilmente sono regole già note, lette altrove o che -tutto sommato- sono anche facilmente intuibili. La verità, però, è che fa sempre bene chiarirci le idee e, magari, aggiungere un tassello qua e là per migliorare la nostra attività di ricerca (o di posizionamento).


10 REGOLE CHIAVE + 2, PER TE

  1. Identifica i tuoi punti di forza e scrivi una breve presentazione (da aggiornare quando serve) che in poche righe (al massimo 10) ti descriva e rappresenti bene e senza fronzoli le tue caratteristiche migliori (“hard skills” e “soft skills” – se non sai cosa sono a fine articolo trovi un link a tema). Servirà in fase di candidatura.
  2. Cura il tuo Curriculum Vitae (anche in versione digitale, anche dal punto di vista estetico, senza fronzoli inutili): non inventare nulla, sii essenziale ed inserisci solo le esperienze più significative e coerenti con il profilo professionale di tuo interesse.
  3. Ricorda sempre che tutto ciò che scrivi sui social media ti rappresenta e può essere oggetto di analisi da un esaminatore che voglia verificare le tue dichiarazioni o la tua personalità. Uno studio in merito all’impatto dei social sul lavoro potrebbe chiarirti le idee.
  4. Registra il tuo profilo su LinkedIn (a fine articolo trovi una serie di guide veloci in formato video) ma non limitarti ad inserire al suo interno il tuo CV. LinkedIn non è un deposito di CV ma un social come Facebook. Tu seguiresti su FB qualcuno che attiva un profilo ma non pubblica mai nulla, non interagisce con nessuno e non si mostra interessato a partecipare?
  5. Aggiorna le tue competenze principali e quelle di supporto, eventualmente utili a cavalcare le tendenze. Conoscenza delle lingue e del computer sono una necessità. Se sei disoccupat* o hai tanto tempo libero, perché non pensare ad una laurea online? Il miglior modo per mettere a frutto il tuo tempo libero (per posizionarti nel mercato del lavoro) è dedicare quel tempo alla tua crescita professionale (vedi paragrafo “tendenze 2022” a seguire).
  6. Se usi i social media, segui e interagisci con le aziende che ti interessano di più. Sarà un modo rapido e veloce per capire quali siano i profili richiesti (da quell’azienda o dal suo settore di appartenenza) e sarai tra i primi utenti a cogliere eventuali opportunità disponibili o comprendere meglio “cosa serve all’azienda”.
  7. Prepara una tua foto profilo da allegare al tuo CV digitale e su LinkedIn (o piattaforme similari), che sia seria ma non stucchevole né troppo “rigida”. Che non sia ritoccata, fuori dalle righe o che inadatta al contesto professionale di riferimento. Niente foto-tessera, per carità.
  8. Abituati ad usare gli strumenti Smart. Tra scuola, formazione e lavoro, abbiamo finalmente iniziato a capire che esser smart NON significa saper usare Gmail, Skype, Zoom e Dropbox. Significa, invece, sfruttare al meglio strumenti online, il cloud e le innumerevoli applicazioni e formati a nostra disposizione per migliorare le relazioni a distanza e gestire ogni genere di collaborazione.
  9. Attiva alert e avvisi e notifiche in una email dedicata da tenere sempre sotto controllo. Ciascun avviso automatico può essere dedicato alla ricerca di annunci di lavoro, di nuovi corsi di formazione o di aggiornamento e persino di articoli di approfondimento come questo. Se non sai come attivarli ti basta cercare su Google. Ecco una guida esempio per Gmail: clicca qui
  10. Segui le tendenze sul mondo del lavoro, sulle figure professionali richieste, sui settori in crescita o sulle opportunità che lo sviluppo di nuove tecnologie rendono disponibili per tutti. Potresti scoprire nuovi approcci a mondi lavorativi che pensavi di conoscere bene.
  11. L’undicesima regola è quella di studiare e conoscere bene il settore di tuo interesse. In tantissimi tergiversano o languiscono pensando di “essere già pronti”, di “saper come funzionano le cose” o di “conoscere il proprio ruolo e il settore di riferimento”. La verità è che tra l’avversione diffusa allo studio e la reticenza a considerare il Digitale un’opportunità, spesso perdiamo di vista anche le evoluzioni del nostro settore professionale di riferimento.
  12. La dodicesima regola ti piacerà, anche se è più un suggerimento che una regola vera e propria: se hai una vera passione, se conosci bene un argomento o sei brav* in qualcosa, potresti scoprire che qualcun altro, nel mondo l’ha trasformata in un mestiere. Perché non provarci anche tu, costruendoti la tua “nicchia di mercato” e convertendo ciò che ti riesce meglio o ti appassiona, in un lavoro vero e proprio? Questo sarà un argomento che svilupperemo in un nuovo articolo, a breve.

Possiamo immaginare cosa stai pensando: che tutte le regole menzionate le conosci già. Oppure che non servono a nulla. O che sono una perdita di tempo.
Eppure, mentre aspetti la fantomatica “occasione giusta” o che una buona opportunità caschi dall’alto, mentre attendi e basta e magari giochi con il tuo smartphone in mano, pensa che proprio proprio quell’oggetto potrebbe cambiarti la vita, se usato con la giusta dose di perseveranza, attenzione e pazienza.
E’ la tua chiave di accesso al digitale, puoi farne buon uso o limitarti ad osservare altri come te che, invece, usano Instagram, LinkedIn, TikTok, Youtube e altri strumenti per presentarsi in rete e crescere un giorno alla volta.

Perdona la “solita” manfrina, ma non sono luoghi comuni. Sono, invece, opportunità reali agli onori della cronaca quotidiana. La nostra speranza, con questo articolo, è averti offerto qualche spunto o, semplicemente, averti suggerito le parole che avevi bisogno di leggere.

Adesso è il momento degli approfondimenti. Leggerli tutti con attenzione è un primo passo verso la ricerca del tuo nuovo lavoro. Magari tra il nostro articolo e quelli linkati, chissà, potresti trovare “il (tuo) tassello mancante”, in attesa del prossimo articolo di questa serie per diventare autonomo online e trovare il tuo modello di business ideale. Registrati alla newsletter per non perdertelo, clicca qui!



Questa è una lista veloce di corsi gratis, economicamente accessibili o più impegnativi.

Si, alcuni corsi tra quelli segnalati sono in inglese che, come abbiamo sottolineato, è una lingua fondamentale per muoversi nel mondo del lavoro. Ecco perché ti segnaliamo anche i

10 migliori servizi per imparare l’inglese, comodamente da casa.



La perseveranza è tutto (Clip: “The Founder”)

In questo spazio è presente un video.
Se vuoi vederlo accetta le seguenti tipologie di cookie:
marketing.

Vuoi saperne di più su LinkedIn? Ecco una playlist a tema, ricca di spunti.


Ti è piaciuto questo articolo? Non dimenticare di registrarti alla nostra newsletter per non perderti i prossimi aggiornamenti. Scorri in basso!

Articoli Correlati

SEGUICI
- Promo -

Ultimi Articoli

Top 20 tag

- Promo -